Sabato della Quarta Settimana


Dal Vangelo secondo Giovanni (7,40-53)

In quel tempo, all'udire le parole di Gesù, alcuni fra la gente dicevano: «Costui è davvero il profeta!». Altri dicevano: «Costui è il Cristo!». Altri invece dicevano: «Il Cristo viene forse dalla Galilea? Non dice la Scrittura: "Dalla stirpe di Davide e da Betlemme, il villaggio di Davide, verrà il Cristo"?». E tra la gente nacque un dissenso riguardo a lui. Alcuni di loro volevano arrestarlo, ma nessuno mise le mani su di lui. Le guardie tornarono quindi dai capi dei sacerdoti e dai farisei e questi dissero loro: «Perché non lo avete condotto qui?». Risposero le guardie: «Mai un uomo ha parlato così!». Ma i farisei replicarono loro: «Vi siete lasciati ingannare anche voi? Ha forse creduto in lui qualcuno dei capi o dei farisei? Ma questa gente, che non conosce la Legge, è maledetta!». Allora Nicodèmo, che era andato precedentemente da Gesù, ed era uno di loro, disse: «La nostra Legge giudica forse un uomo prima di averlo ascoltato e di sapere ciò che fa?». Gli risposero: «Sei forse anche tu della Galilea? Studia, e vedrai che dalla Galilea non sorge profeta!». E ciascuno tornò a casa sua. Parola del Signore.

Prego la Parola

Il Vangelo di oggi ci presenta la domanda su Gesù, chi è veramente Gesù? Cosa si nasconde dietro quest'uomo? L'Evangelista nota una certa differenza tra l'atteggiamento della gente comune e i capi dei sacerdoti e i farisei. La gente non ha una reale comprensione dell'identità di Gesù, ma la sua Parola ha una potenza straordinaria: affascina e ha autorevolezza. La gente ha una certa empatia nei confronti di questo "Rabbi", non così i capi che rifiutano nettamente Gesù senza appello, convinti che la verità è nelle loro mani. Ogni tentativo di scoprire l’identità di Gesù non raggiunge il suo scopo. Non basta conoscere la scrittura, bisogna fare esperienza, incontrare Gesù e lasciare che sia LUI ha rivelare il suo volto.

Disponibilità a un cammino (nell'incertezza dei passi da compiere) o rifiuto e chiusura sono pure per noi le due possibilità di fronte a Gesù. Il cammino da compiere c’è lo presenta Nicodemo: ascoltare la Parola di Gesù e lasciarsi stupire da ciò che compie. C’è bisogno del coraggio della fede, saper rischiare, lasciare ciò che conosciamo per avvicinarci al mistero.

Buon cammino.

27 visualizações0 comentário

Posts recentes

Ver tudo

© 2019 Congregazione delle Suore di S. Marta Pastorale delle Vocazioni

Roma - vocazioni.ssmartaroma@gmail.com 

  • Telegram
  • Instagram Icona sociale